4shared

SANT’ALESSIO, DOPO ANNI DI POLEMICHE RICOLLOCATA (PROVVISORIAMENTE NON SUL LUNGOMARE) “ALALUNA”, LA STATUA DI NINO UCCHINO DEDICATA A PIER PAOLO PASOLINI

pasolini (2)

Circa venti anni fa, l’Alaluna era stata commissionata dal comune di Zafferana Etnea su iniziativa dello scrittore Vanni Ronsisvalle per commemorare i dieci anni della scomparsa di Pasolini. Il nome di Pasolini, suscitò subito delle grandi proteste, guidate all’epoca dalla diocesi di Zafferana cosicché il maestro Ucchino decise di portare via l’opera da Zafferana, rinunciando al pagamento della stessa, e anche questo fatto suscitò polemiche. Qualche settimana dopo, Ucchino dichiarò che l’avrebbe data a qualunque ente pubblico che ne avesse fatto richiesta a prezzo di costo. Telefonarono molti sindaci, sia della costa calabra che siciliana, ma alla fine fu il sindaco dell’epoca Tino Gussio, che l’ottenne per Sant’Alessio, ad un costo complessivo attuale di poco più di diecimila euro.

La scultura in acciaio inox venne collocata nel 1994 sul Lungomare, per poi venire rimossa a causa dell’erosione e dei marosi e giacere per quasi dieci anni in un deposito del comune jonico.

Deciso il restauro e ottenuto il finanziamento regionale, sono sorti tuttavia ulteriori polemiche perché il maestro Ucchino aveva minacciato di rinunciare al restauro della scultura d’acciaio, poiché riteneva la piazzetta sulla circonvallazione non adatta alla valorizzazione della sua opera e fuori contesto perché decentrata rispetto al centro urbano. Si è deciso così di collocarla provvisoriamente, in attesa del completamento del Lungomare, sulla nuova circonvallazione, in uno dei punti più panoramici di Sant’Alessio. E’ finita quindi, almeno per ora, questa telenovela estiva che aveva tenuto molti col fiato sospeso e rischiato di far scoppiare un caso politico nella cittadina del Capo.

Il maestro Ucchino, durante il suo intervento, ha  evidenziato le affinità tra la vita tormentata dell’intellettuale bolognese e l’opera (anch’essa altrettanto tormentata) . Una strana coincidenza – ha affermato l’artista – per un’opera che racchiude in sé l’essenza pasoliniana rispecchiandone, per l’appunto, quel mondo lunare proprio di Pier Paolo Pasolini.

QUANDO PASOLINI CHIESE AD UN  MONACO BUDDISTA SE FOSSE DISPOSTO A DARE IL SUO CORPO IN PASTO A DEI TIGROTTI AFFAMATI..

 

 

  • foto3 ucchino in tuta
  • ucchino 2
  • ucchino 3
  • 20130807102714
  • ucchino5
  • ucchino7
  • ucchino8
  • ucchino10
Leave a Comment

Current month ye@r day *